FULMINI

Shame: la vergogna è amare

shame poster

Shame è un film bellissimo. Ho amato ogni scena, ogni dialogo, ogni frame, ogni traccia (ho comprato subito la colonna sonora). E soprattutto ho amato i tempi lunghi, quei dieci, venti, trenta secondi in più su ogni scena che aderiscono perfettamente alla natura dell’ossessione. Che è pervasiva, dilatata, ottusa. Il cuore del racconto ruota intorno alla scena di una grande finestra da cui Brandon che da una finestra vede un uomo e una donna scopare, lei appoggiata sul vetro. La mente ossessionabile è colpita dalla scheggia che si piazza dentro il cervello e da quel momento manovra l’intero movimento fino alla sua esplosione. Questo è il processo definitivo raccontato Shame. La vergogna, è solo amare. Citazione preferita: “non siamo brutte persone, veniamo solo da brutti posti”. Scena amatissima: Brandon nella sauna gay.

Annunci

2 thoughts on “Shame: la vergogna è amare

  1. Pingback: Selacapo intervista la scrittrice Alessandra di Pietro, autrice di Godete! (di Marina Donato)

  2. Pingback: Selacapo intervista la scrittrice Alessandra Di Pietro, autrice di Godete! – di Marina Donato (09/02/12) « Godete!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...