MYSELF

E finalmente a 40 anni sono diventata vanitosa

Le conosciamo bene, hanno figli, lavoro. Scarpe piatte, altro che décolleté. Al massimo un po’ di fard. E va benissimo così. Poi qualcosa cambia: il gioco della seduzione ricomincia. Già, come a 16 anni. Che male c’è. Anzi, è molto, più divertente. Ce lo racconta due donne che oggi, dicono, sono pure più felici

marialuisaMarialuisa, 43 anni Priorità a figli e master. Ma quando il lavoro decolla, passo al tacco 12

Liceo, laurea, master, sono sempre stata focalizzata sulla mente. Poi sono arrivati i due figli e tra una gravidanza e l’altra ho fatto un altro master. Indossavo solo scarpe da ginnastica, avevo unghie curate ma senza smalto (i bambini mettono in bocca soprattutto le mani di mamma!), abiti comodi e per i capelli il diktat era: un buon taglio che duri e poi per tutti i giorni una coda e via. Mi sentivo più mamma e meno donna. Non era un sacrificio, ero contenta.

Poi, a 35 anni, i bambini vanno alle elementari e ritrovo tempo. Il lavoro aumenta. Ho avuto un percorso formativo duro e di questo sono ben più fiera che del mio viso: comincio a sentire con chiarezza che non devo più dimostrare di essere intelligente. Ho la mia professione e se i clienti mi cercano è perché so fare bene e allora posso andare in giro con il tacco 12, tanto so che non è una scorciatoia per essere ammirata. Posso prendermi la mia femminilità. Ed è bellissimo. Non mi sono mai vista particolarmente bella, però oggi mi sento affascinante. La mia vanità non è esagerata, per dire la ceretta la faccio in casa. Però ogni giorno uso un’ottima crema idratante, l’olio dopo la doccia, vado dal parrucchiere ogni settimana. Faccio i peeling chimici per avere la pelle luminosa e corro appena posso.

I 40 anni non mi hanno colto di sorpresa. Ho fatto una festa fantastica a casa mia e per regalo a mio marito ho chiesto il tapis roulant, mica un gioiello! Non so se farò botulino o altro, però sono sicura che voglio curarmi dentro e fuori: mangiare
bene, niente fumo. E mio marito (25 anni insieme) mi incoraggia. Certo, con una moglie così!

stefaniaStefania, 39 anni

Ho capito che farmi bella è un segno di rispetto verso me stessa. Stefania, oggi ha 39 anni, è responsabile marketing per un’azienda automobilistica. Per la foto ha scelto camicia bianca, Equipment, collana con strass, Stella jean, e pantoloni N° 21. Per me il massimo del trucco era una passata di mascara e il blush color terra. Giusto in estate, dopo ore al sole, usavo litri di Nivea. Mai messo lo smalto: troppo complicato. Sarà che sono alta, porto la 40 e sono una ex velocista, ma per sentirmi in ordine mi è sempre bastato essere pulita, tutt’al più una lampada per un po’ di colore. Tutti a dirmi di usare questa crema o quel siero, ma io niente. Poi succede l’imprevisto.

Nel maggio del 2010, dopo una bella giornata di lavoro, svengo. In ospedale mi rivoltano come un calzino, trovano il problema: è serio e urgente. Penso ai miei due figli, sono così piccoli. Mi operano e per fortuna va tutto bene. In poche settimane mi riprendo. Ho vinto io e il mio ottimismo. Da quel momento scatta qualcosa nella mia mente. Mi sento fortunata a essere qui, accanto alle persone che mi amano. E capisco, per la prima volta, che volersi bene, prendersi cura di sé anche facendosi bella, non è sinonimo di superfi cialità come ho sempre pensato, ma un segno di rispetto verso me e gli altri.

Da tempo avevo un pensiero sui 40 anni alle porte e – mi dicevo – qualcosa per il mio aspetto dovrò pur farla. Così a 37 anni compro la prima crema per il viso, poi il contorno occhi, l’anno dopo mi butto sul fondotinta e a cascata, mascara (professionali) e eyeliner. Senza esserne schiava, comincio a prenderci gusto. Ora faccio pilates una volta alla settimana, vado dall’estetista due volte al mese.

L’ultimo acquisto è un rossetto color mattone che metto solo quando mi ricordo, però lo porto sempre in borsa. E che soddisfazione quando per strada si girano.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...