ARTICOLESSE

Elogio del sesso sicuro. Su Gioia 11/13


1201071_1365184671216_fullAdesso che l’Hiv lo conosciamo e lo possiamo evitare, le cure iniziano a funzionare, le informazione sulle vie di contagio sono definitive e certe anche se mai abbastanza diffuse, teniamo accesa l’attenzione sulla prevenzione e per favore facciamo un patto: indossiamo il preservativo e non parliamone mai più.  Facciamo pace con l’idea che possiamo fare tutto ma niente senza (condom) e che proteggerci è un gesto che moltiplica la nostra libertà oltre che il rispetto. Vogliamo dedicarci alla bellezza di fare sesso senza pena anziché stare ancora a pensare: “no, ma dai, forse per una volta posso farne a meno”. Queste tre storie raccontano come per mille motivi che non hanno mai a che fare con il nostro bene(ssere) accettiamo di fare sesso senza protezione e come cambia in meglio la sessualità di ogni donna quando decide che: sì, lo voglio.

Alessia, 36 anni psicologa (Roma)

Ho scelto di fare spazio alla bellezza, alla gentilezza e al rispetto. Sempre. Anche se la prima volta che facciamo l’amore sarà l’unica, tra quei baci, nelle ore che passiamo uno abbracciato all’altro, nel piacere che ci stiamo scambiando c’è il valore di una intera vita, anzi di due: la mia e quella dell’uomo con cui sono. Da 8 anni mi sono buttata alle spalle l’abitudine di fare sesso senza protezione, non vado da nessuna parte, neanche al bar sotto casa, senza un preservativo in tasca, e adesso che ho non ho più l’ansia di restare incinta e neanche quella di beccarmi una qualsiasi malattia, mi rilasso, mi dedico al piacere, mi godo tutto e di più. Dai 16 ai 28 anni ho fatto sesso come volevano i miei partner, stabili o occasionali. Spesso senza preservativo. Per timidezza, fragilità,  ne avevo voglia pure io, non volevo perderli o anche solo non imbarazzarli. Si sa come succede no?  A volte il ragazzo si mette il preservativo, perde l’erezione, si innervosisce, tu pensi che è colpa tua che gli hai fatto perdere il momento giusto, e quindi per evitare tutto questo lui ti dice: se me lo metto non sento niente. Sì, ciao. Facciamo che ci credo. Però ci stavo a disagio. Ero in paranoia. Prima, durante e dopo. Temevo le gravidanze, delle malattie neanche sapevo. Nessuno mi dava un’informazione, a casa, a scuola, gli amici, il ginecologo da cui facevo il Pap Test, il medico di base, niente. E non c’era internet. Poi  per il mio lavoro, ho iniziato ad occuparmi di salute, ho avuto accesso alle informazioni istituzionali, e lì ho aperto gli occhi: ho capito che l’Hiv non era una malattia “da prostitute gay e tossici” come ci dicevamo tra di noi ragazzi negli anni 80 ma una malattia sessualmente trasmettibile: mi riguardava.  Avevo 27 anni, non più una bambina. Ho capito che tutelare la mia salute era possibile ed era un valore, un gesto di amore e di rispetto per me stessa e verso gli altri.  Che poi non era solo potersi prendere l’ aids, ma pure il papilloma, malattie veneree. E che fare sesso senza preservativo significa accettare che un incontro inizi da un gesto di prepotenza. Basta. Ho iniziato a usarlo ed è stato fantastico. Non per questo faccio meno sesso. Secondo. Se lui ci sta ad usare il condom perché sa che a me piace così, di solito va anche tutto il resto. Terzo. Ho imparato a dire di no. Spiegando con gentilezza che ci tengo a me stessa e che lui conviene bene a fare altrettanto. Che soddisfazione. Sono fiera di me. Per me è stato crescere, diventare adulta, affermare la mia personalità. Ci ho messo vent’anni arrivarci ma ora posso dire che è più bello così

origami-condom-preservativo-siliconeErika, 20 anni, studente di filosofia, (Palermo)

Solita storia. Ti innamori, lui è bellissimo, sembra una favola, poi ti cade l’occhio sul telefonino e scopri che c’è un’altra. Tutto finito. Io l’ho presa malissimo. Ho perso la testa e mi sono buttata via. Come se non valessi niente. Ho fatto sesso con il primo che mi è capitato, così, senza protezione. Lui non lo usava con me e non lo usava neanche con le altre e le altre erano tantissime. Lo sapevo ma ci stavo lo stesso. Una, due, tre volte. Sempre peggio. Il sesso e come stavo io. In un momento di lucidità sono andata dalla psicologa del consultorio. In due sedute ho svoltato. Basta autolesionismo. L’ho mollato e ho capito che senza qualcuno accanto mi voglio meno bene, mi lascio andare, non mi rispetto.  Adesso ho di nuovo un fidanzato e va meglio ma devo diventare più forte. Per lui usare il preservativo è naturale: no rischi, no gravidanze, solo piacere. Sono stata un anno con la paranoia di aver preso l’aids, poi ho fatto il test, tutto ok. E adesso per aiutare gli altri a non cascarci frequento un corso per volontaria in un centro di prevenzione”


1-banana-condom-little-people-leon-dafonte-fernandezRoberta, 46 anni, producer (Bologna)

Mi piace fare sesso e considero ogni lasciata persa. Sono fatta così. E fino ai 35 anni stata davvero irresponsabile. È eccitante e animalesco farlo senza dicevo. Poi mi sono innamoro di un uomo più giovane, 27 anni, un’altra generazione. E, sorpresa, si rifiuta di fare sesso senza protezione. Non solo la prima volta, proprio sempre. Per rispetto di se stesso, di me, di una gravidanza indesiderata, della nostra libertà diceva. E forse perché era ipocondriaco. Ad ogni modo, chapeau. Siamo stati insieme 7 anni e con lui ho scoperto una sessualità lenta, morbida, a tutto raggio, l’opposto del mio fare irruento, usare il preservativo era un pezzo della storia e non il suo centro. Ci siamo lasciati quando lui voleva un figlio, io no. Ho ripreso come prima: sesso ogni volta che posso. Solo con preservativo. Mi fa sentire libera, pulita e mi eccita uguale. Mi avrà contagiato la sua ipocondria? So solo che ora mi fanno pena quelli che ci provano a farlo senza, soprattutto con gli sposati,li mando via, sono durissima.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...