FULMINI

Hiv? Sintonizzati! Progetto su sesso e salute nelle scuole (mio intervento)

1c-keith-haring-ignorancefearCrescere nella  sessualità significa imparare a chiedere scusa e mi dispiace, nominare le emozioni, rispettare e farsi rispettare, sapere che la libertà è decidere come  disporre del proprio corpo, conoscere il proprio piacere, condividerlo con l’altro/a, cercarne uno speciale insieme. Senza paura, senza vergogna. E certo che c’è la timidezza, l’imbranataggine, il cuore che batte forte, la disinvoltura che è poi solo voglia di piangere, il terrore di non essere amati, voluti, ammirati che ti fa cedere alla prepotenza di diventare come loro ti vogliono e non di come tu ti sogni. Il desiderio di essere uguale a tutti è puro istinto ma provare almeno una volta al giorno a fare di testa propria fortifica i bicipiti della volontà e gli addominali del senso critico. Serve per tutto, anche nel sesso.Fare l’amore, maschi e femmine, quando se ne ha voglia e come se ne ha voglia, trovare il coraggio di dire sì, no, facciamo in un altro modo, riderci su o anche solo abbracciarsi se non va come si sperava, sono esercizi affettivi e pratiche del corpo che rilassano, divertono e hanno il sapore del succo dentro il fiore di zagare (non lo conoscete? è nettare degli dei).

keith-haring-untitledTriste leggere che i rapporti sessuali sono consumati in posti scomodi e durano il tempo di una sigaretta, la grande maggioranza delle prime visite ginecologiche avviene sotto il segno dell’ansia, se cerchi sesso giovani su Google trovi allarmi, ansie, preoccupazioni e prediche a cui spero non assomigli questa mia. La storia che se dico sessualmente trasmettibili vengono in mente le malattie e non per esempio  l’ossitocina e l’adrenalina che dopo ore passate a scoprirsi, annusarsi, baciarsi o fare l’amore  ti liscia la pelle e ti fa ridere senza riuscire più a smettere dovrebbe rovinare la giornata ad ognuno di noi. E quindi il preservativo che preserva dalle infezioni ma anche dall’ansia fino al prossimo ciclo per favore ricordatevelo una volta per tutte e  non se ne parla più. E cominciamo a dirci che che prima di arrivare lì, a quel punto in cui lo usi, lì c’è tutto un mondo intorno che vibra, pulsa e gode e perderselo è questo sì un vero peccato. Tutto ha un prezzo lo sappiamo e quello del preservativo sempre troppo caro e comunque molto più basso di quanto ti costa in salute non usarlo, ma ancora più economico è la possibilità di toccarsi, divertirsi, piacersi, amarsi e godere: rende molto e costa zero.

STOP AIDS KEITH HARING

Questo mio testo è stato scritto per  Hiv? Sintonizzati! progetto di educazione alla salute nelle scuole medie e superiori di Roma (studenti dai 13 ai 15 anni), promosso dal Dipartimento politiche sociale di Roma Capitale e curato dal Coordinamento romano HIV del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli. Lo trovate nel libriccino che ospita i risultati finali del progetto.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...