FULMINI

#yesallmen. Se sei parte di un problema, prova ad essere parte della sua soluzione. #missgeek su La Stampa Top News

LW_feminist-420x0Se sei parte di un problema, prova ad essere parte della sua soluzione. Saggio vero? Ma non facile. Eppure sta succedendo. In America. Un confronto tra uomini e donne sulla violenza e sulla misoginia. Costruttivo, inclusivo, quotidiano e diffuso sui media . Mai visto prima. Tutto comincia con la strage di Isla vista: 7 morti, 13 feriti. Autore Elliot Rodger, 22 anni. Motivato da odio, risentimento e aggressività nei confronti delle ragazze che non lo volevano anche se era ricco, ben vestito, automunito. Rodger lo scrive nel suo memoriale, 141 pagine di sceneggiatura della sua vita, ogni dettaglio compreso, un monumento alla misoginia. Il 23 maggio Kaye crea l’hastgah #yesallwomen  per raccontare che le donne conoscono quell’odio, lo impari presto, ti insegna la notte a tenere in mano le chiavi e cellulare acceso, una minigonna non è mai solo un vestito, lo stupro rimane un’arma in pace e in guerra, in India come in America. E provoca un contagio. #yesallawomen viene usato in un milione di tweet.  Rispondono un gruppo di maschi con  #notallmen respingendo le accuse, ma restano minoranza risentita e non costruttiva. Più interessante l’opinionista Charles Blow che sul New York Times  scrive: “Combattere il sessimo e la misoginia  non è solo un lavoro da donne. E crea l’hashtag #yesallamen. Siamo tutti coinvolti. È solo l’inizio. Su Slate arriva lo strepitoso coming out dello scrittore Brian Levinson : “Anche io ho le mie ragioni per odiare quel manifesto: avrei potuto esserci io, al posto di Elliot Rodger. A venta’nni ero come lui carico di odio”. Poi anche con l’aiuto di buone terapie,  psicofarmaci e la mia ragazza sono migliorato, “ma il mio Elliot Rodger resta lì seppur silenziato”. Intanto compare #allmencan, per dire: non ci sfiliamo dalle nostre responsabilità ma non rimaniamo inchiodati dentro la nostra storia.  Insieme possiamo farcela. Strategie evolutive che crescono. Dentro twitter. Anche fuori, si spera.

 

missgeek#missgeek esce ogni lunedì su su La Stampa Top News

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...