FULMINI

Che cosa ho scritto su myself di luglio (che poi era l’ultimo numero ma non lo sapevo)

cover_myselfPuntuale come sempre allo scadere del mese, scrivo questo post per farvi sapere che cosa c’è di mio sul numero di myself in edicola. E chi poteva sapere che questa volta sarebbe stata l’ultima? Già perché myself chiude, anzi l’hanno già sigillato, con zero giorni di  preavviso, ed è vero che siamo ancora qui a pistola fumante, ma non ho nessuna voglia di lamentarmi. Quindi, la parola passa al lavoro e poi alla fine ci metteremo anche commenti e saluti. Dunque, su questo numero, ho firmato un fotoreportage dal titolo Io & Francesco, tre donne raccontano che cosa cambia nella loro vita spirituale l’arrivo di questo Papa parecchio diverso dai precedenti.  Segue poi l’intervista a Francesco Piccolo, vincitore del premio Strega, con Il desiderio di essere come tutti (Einaudi):  «E se felicità fosse smetterla di lamentarsi e prendersi un po’ di leggerezza?». Intanto è in montaggio Mia madre film che ha scritto con Nanni Moretti.  In copertina c’è Drew Barrymore e una bella intervista. Lei si descrive come  una «disorganizzata cronica. Però molto efficiente», con il mito della gentilezza. Dopo il successo da bambina con ET e un’adolescenza complicata, oggi accasata con il terzo marito e due figlie, dice: «Ho scelto di essere contenta di tutto quello che ho». Oltre alle tante foto e notizie sfiziose, dentro ci trovate anche consigli su dove andare in vacanza e alcune ricette golose. Prendetelo in edicola e leggetelo con gusto. A me resta solo da dire che in tre anni ho partecipato ad un progetto giornalistico ed editoriale innovativo con grande passione. myself ha dato una scrollata a tutti i magazine, innovando il linguaggio e accorciando i pezzi (less is more, in redazione è stata una legge) pur restando sintetici, ricchi e puntuali. La scommessa di puntare solo sulla carta non è stata vinta, ma l’esperienza fatta rimane notevole. Ho incontrato decine e decine di persone straordinarie grazie alle interviste, ho conosciuto altre vite, ascoltato avventure, indagato problemi, imparato da tutt@. Spero di aver dato in cambio. Alle persone che sono state compagne di avventura in questo viaggio un grazie di cuore e soprattutto la certezza che tutto passa (soprattutto i giornali) ma le relazioni  restano. Ad maiora.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...