LA STAMPA.IT

Quando i social ti bruciano e devi scappare nel mondo reale. Su La Stampa

FacebookHackedJPEG-0b111_1360975846--U101020516011786B-450x365-koZH-U10402715503270WfD-700x394@LaStampa.itL’opinionista francese Guy Birenbaum ha scritto Vous m’avez manqué – Histoire d’une dépression française » (Arènes) per raccontare come è uscito da una depressione di cui l’iperconnessione era un sintomo non la causa. Per fortuna, non un peana contro i social ma la sua storia personale di “naufrago di twitter” (definizione di Le Monde ), “pieno di rabbia” e “schiantato dalla violenza” dei commenti razzisti e xenofobi. Birenbaum non li ignorava né li faceva scivolare, al contrario, gli permetteva di entrare dentro di lui, ad essi reagiva e a sua volta ne scatenava altri in un flame che poi finisce per bruciarti davvero anche fuori dal video. Quando accade, disconnettersi è saggio e fruttuoso. Almeno per me è stato così. Nel 2011, a causa di una mia inchiesta sulle donne neofasciste a Roma mi ritrovai al centro di un flame su Facebook e su Twitter. Ad accenderlo fu un collettivo femminista, ad agitarlo alcuni militanti di sinistra, tra di loro persone che conoscevo e mi conoscevano, sapevano che mai avrei potuto essere anche solo per un equivoco schierata con i neofascisti ma non ci fu tempo per questi essenziali dettagli. Rispondevo a tutto e a tutti fino a quando uno sconosciuto scrisse un tweet che suonava come “Ti veniamo sotto casa”. Reagì con rabbia ma alla sera, davanti al cancello del garage, con i bambini, ad un rumore improvviso, ebbi un attacco di tachicardia. E fu il crollo. Twitter mi era entrato in casa e seppur quella violenza era solo verbale la percepivo come vera. Decisi di staccare la connessione, mollai le password ad un amico che si occupò di fronteggiare e soprattutto di calmierare gli attacchi e scappai nel mondo reale. Me ne andai proprio dall’Italia – era Natale – e fu uno sforzo enorme non pensarci ma mi permise di sentirmi al sicuro, di rimettere un confine tra la Rete e la mia vita personale, di uscire da una sorta di burn out. Dopo un paio di mesi tornai su Facebook e anche su Twitter, ora sono anche su Instangram, sono una vera social person, li uso e mi divertono, ma da quell’esperienza ho imparato alcune cose. 1)Ci sono argomenti sensibili su cui in 140 caratteri generi confusione e non opinione. 2)Riconosco un flame e ne sto lontana 3)Smetto quando voglio, sono capace di mollare i miei social, l’ho fatto una volta, lo posso rifare. La stanza degli specchi di Twitter (o Facebook) può sembrare maledettamente vera, ma se ne esci ti rendi conto che è solo un irreale effetto moltiplicazione. Per esserne consapevole ho pagato il mio prezzo, Birenbaum l’ha scoperto con la depressione, alcuni lo sanno già e trovano divertente litigare con tutti (li ammiro ma non sono io), gli altri fanno bene a crederci. Gratis.

http://www.lastampa.it/2015/04/03/societa/quando-i-social-ti-bruciano-e-devi-scappare-nel-mondo-reale-BGJIz9ZKQ83OMuh0nghk1H/pagina.html

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...